• 15283 8 marzo festa internazionale della donna
  • 15239 Fuori posto o ... fuori testa?
  • 14730 Attenti a "Radar" c’è Lulo!
Editoriale
domenica 29 novembre 2020.
I giovani e il Covid-19

Navigando in rete mi sono imbattuto in un filmato di qualche anno fa in cui diverse centinaia di giovani ballavano e cantavano spensieratamente al ritmo di una tarantella.

L’assembramento era totale e, anzi, era impossibile stabilire quali fossero i gruppi e quali i probabili appartenenti agli stessi tanta era la promiscuità e la compartecipazione alla festa! Nella folla diverse coppie di meno giovani e altre di diversamente giovani con un unico denominatore comune: stare insieme e in allegria!
Tempi passati potremmo dire, cose che sembrano appartenere ad altre epoche, eppure fino ad un anno fa gli assembramenti erano la normalità e pochi giovani resistevano alla tentazione di partecipare a quegli avvenimenti!
Torneranno ancora quei tempi? Avremo ancora la possibilità di uscire da casa e mischiarci serenamente alla folla che riempie marciapiedi, piazze, negozi, cinema, teatri, mercati e mercatini?
Come passeremo il tempo libero non appena tutto sarà solo un brutto ricordo?
Cosa faranno i giovani, quelli della Generazione Z (i nativi digitali), che in questo periodo sono costretti tra le mura domestiche, si scateneranno?
Metteranno da parte tutte le regole di prudenza imparate causa Coronavirus e si riverseranno sulle strade alla riconquista dei luoghi e del tempo perso?
Una cosa mi pare sia apparsa chiara a tutti nell’isolamento forzato che abbiamo dovuto subire e che ancora stiamo subendo e cioè che la rete, internet, videogiochi e realtà virtuale in genere non sono stati sufficienti a colmare il vuoto che si è creato in ognuno di noi!
“Mi manca il contatto con i compagni di classe, non mi importa se devo studiare, non mi importa se prendo una brutta nota, voglio stare con i miei compagni, voglio crescere con loro anche se qualche volta ci litigo …” questo mi ha risposto un ragazzo e la risposta mi ha provocato una stretta al cuore!
Forse questa pandemia ci ha insegnato ad apprezzare quello che abbiamo avuto sempre vicino ma che non riuscivamo a vedere!


Giuseppe Russomanno
top

Un momento di pazienza può scongiurare un grande disastro. Un momento di impazienza può rovinare una vita intera.

Proverbio cinese

 
Sponsors