• 14682 Ricicliamo la moda!
  • 14617 Apphalthopolis
Editoriale
mercoledì 17 giugno 2020.
Andarsene da soli!

Finalmente dopo circa due mesi e mezzo di clausura la vita comincia a riprendere e tutti tirano un sospiro di sollievo. Le strade si sono riempite di gente e, almeno all’apparenza, sembra non sia successo niente!

C’è un tempo per piangere e un tempo per ridere, un tempo per gemere e un tempo per ballare. Così nell’Ecclesiaste 3!
Il Mantra del periodo tragico appena, forse, passato era "Andrà tutto bene" e in tutto il mondo è stato scandito e scritto a caratteri cubitali su manifesti e striscioni.
Purtroppo non è andato tutto bene. Non per quelli che hanno perso amici e parenti cari!
Non è andato tutto bene perché per molti, pensiamo alle centinaia di migliaia di morti o alle migliaia di ditte costrette a chiudere o ancora alle lunghe file davanti alle sedi delle varie associazioni benefiche, non è andato tutto bene e se continueremo a pensare solo al nostro benessere magari a discapito di quello degli altri, non andrà mai tutto bene!
Quante famiglie piangono i loro morti, quante persone non potranno più abbracciare i loro genitori o i loro nonni?
"Sai, zia, nelle nostre case anziani i nostri cari cadono come birilli!"
Con queste significative e dolorose parole un figlio comunica la morte della propria madre alla zia, che a sua volta ha già subito la perdita di altri due parenti nel giro di due settimane.
Un’immagine da incubo quella dei propri cari chiusi in una struttura che da amica, nel giro di pochi giorni, è diventata nemica e che in alcuni casi non rilascia nemmeno informazioni sullo stato di salute degli ospiti, comunicandone anche in ritardo l’eventuale decesso.
Cadono come birilli, colpiti non da una palla ma da un microscopico virus che, per incuria o ignoranza, è stato lasciato libero di circolare e di annientare nel modo più brutale una generazione.
Un giorno quei birilli potrebbero essere quelli di noi che adesso non hanno saputo prendere tutte le precauzioni del caso e che, nonostante le inchieste, magari se la caveranno con pochi danni!


Giuseppe Russomanno
top

Non mi ha mai detto come vivere; ha vissuto, e mi ha lasciato guardare mentre lo faceva.

 
Sponsors