• 13955 Alla salute!
Editoriale
lunedì 18 novembre 2019.
Addobbi da snobbare!

Settembre, andiamo. È tempo di migrare ...
Questo l’incipit della poesia "I pastori" di Gabriele D’Annunzio e ... questo invece l’incipit dei centri commerciali "Settembre. Addobbiamo. È tempo di vendere ...!

Da settembre, come ormai purtroppo da tradizione, i grossi centri commerciali, super o iperstore che siano, cominciano ad addobbare i loro spazi commerciali facendo a gara a chi fa prima e a chi riesce a rendere più luccicanti i propri articoli che tutto sommato sono come gli specchietti che usano i cacciatori per le allodole! E dire che una volta eravamo noi bianchi civilizzati ad ipnotizzare gli sprovveduti indiani "pellerossa" con specchietti e chincaglieria varia...
Da parecchi anni ormai siamo noi i poveri sprovveduti in quanto le nostre multinazionali del guadagno hanno rivolto contro noi stessi le loro armi di persuasione, nemmeno tanto occulte, stravolgendo le nostre tradizioni e le nostre credenze che in fondo si limitavano a poche ma solide basi come la famiglia e il piacere di vivere insieme i momenti particolari!
Siamo passati dalla famiglia che produceva alla famiglia che consuma, anzi all’usa e getta in quanto il prossimo anno ci saranno nuovi prodotti da consumare e non sarebbe "in" riutilizzare quelli vecchi e così oggetti luccicanti, colori, suoni, luci fanno bella mostra di se in barba al buon gusto e purtroppo anche al buon senso!
E se tutti quegli oggetti luccicanti restassero invenduti fino alla fine di novembre?


Giuseppe Russomanno
top

La cosa più preziosa che puoi ricevere da chi ami è il suo tempo.
Non sono le parole, non sono i fiori, i regali. È il tempo.
Perché quello non torna indietro e quello che ha dato a te è solo tuo, non importa se è stata un’ora o una vita.

(David Grossman)

 
Sponsors