• 13610 Che cactus è?
  • 13570 Street bottles art!
  • 13504 La strada del San Bernardino in mostra all’Ospizio
Fuori regione
mercoledì 10 luglio 2019.
Kurt Bobst CEO di Repower lascia l’azienda

Dopo undici anni al vertice, Kurt Bobst, CEO di Repower SA, ha deciso di lasciare l’azienda a settembre. Bobst è CEO di Repower dal 2008 e ha guidato con successo la società durante la crisi del mercato energetico. Inoltre, Bobst ha impostato Repower in modo tale da permetterle di affrontare senza indugi i prossimi sviluppi nel settore energetico. Roland Leuenberger, membro del Consiglio d’Amministrazione di Repower, assumerà a settembre la carica di CEO ad interim.

Kurt Bobst ha informato il Consiglio d’Amministrazione di Repower SA della sua intenzione di dare un nuovo orientamento alla sua carriera. Bobst ha realizzato con successo un riorientamento strategico dell’azienda in anni economicamente molto impegnativi, garantendo la stabilità finanziaria e la rinnovata redditività di Repower.

Roland Leuenberger, membro del Consiglio d’Amministrazione di Repower SA, assumerà a settembre la carica di CEO ad interim come delegato del Consiglio d’Amministrazione. Egli guiderà l’azienda nei prossimi processi di pianificazione e budgeting e garantirà la continuità nei vari grandi progetti di Repower. Roland Leuenberger è membro del Consiglio d’Amministrazione di Repower SA dal 2016 ed è un esperto in materia di energia e finanza. Leuenberger si dimette dalla carica di presidente del Comitato per il controllo interno di Repower.

Il momento giusto per Bobst La sua decisione di lasciare l’azienda arriva al momento giusto, spiega Bobst. «Dopo undici anni al vertice, il momento è ideale per trasferire la responsabilità della fase successiva dell’azienda in nuove mani. Grazie all’attuazione coerente della sua strategia, Repower è ben equipaggiata per affrontare i prossimi cambiamenti nel settore energetico.»

Il Consiglio d’Amministrazione ringrazia Kurt Bobst Il Consiglio d’Amministrazione prende atto della decisione di Bobst e rende omaggio ai grandi risultati da lui raggiunti. Bobst ha dato un contributo decisivo al brillante riassetto di Repower. «Kurt Bobst, in veste di CEO e successivamente anche come Direttore Mercato, ha sviluppato

2 ulteriormente Repower, riportandola a un livello redditizio. Ha inoltre svolto un ruolo chiave nel forgiare la cultura aziendale. Siamo dispiaciuti che Kurt Bobst lasci l’azienda. Sono convinta che la nomina di Roland Leuenberger a CEO a.i. garantirà un passaggio delle consegne ordinato», spiega Monika Krüsi, Presidente del Consiglio d’Amministrazione di Repower SA.

Informazioni su Roland Leuenberger Roland Leuenberger ha completato i suoi studi in economia all’Università di Zurigo nel 2001 con il diploma di lic. oec. publ. In seguito ha lavorato per dieci anni presso UBS SA in diverse posizioni, da ultimo come responsabile Finance & Controlling di Wealth Management International. Negli ultimi dieci anni, Leuenberger ha ricoperto diverse funzioni come imprenditore nel settore energetico. Nel 2016 ha svolto un ruolo chiave nel riposizionamento strategico di Repower SA.

Informazioni su Repower
Repower è un’azienda specializzata nella vendita e nella fornitura di servizi nel settore energetico con oltre 100 anni di esperienza. La sede principale si trova a Poschiavo. Repower ha altri uffici in Svizzera (Bever, Ilanz, Küblis, Landquart e Zurigo) e anche in Italia (Milano). Il Gruppo opera lungo l’intera catena del valore dell’energia elettrica e nel settore del gas, dalla produzione e commercializzazione, alla distribuzione e alla vendita. Sta inoltre sviluppando sistemi intelligenti per sostenere la trasformazione del sistema energetico. La società offre i propri servizi anche ad altri clienti e svolge lavori per conto terzi. Il Gruppo Repower impiega oltre 600 persone. A cui si aggiungono circa 30 apprendisti in Svizzera e quasi 600 consulenti di vendita in Italia. Nel 2018 Repower ha registrato un fatturato di 2,1 miliardi di franchi e un EBIT di 35 milioni di franchi.

top

Una causa non buona diventa peggiore quando si vuole difenderla.

Publio Ovidio Nasone

 
Sponsors