• 13231 Sbafatori
  • 13201 Non sono fiori ...
Fuori regione
martedì 12 marzo 2019.
Vendemmia 2018: raccolto da record per quantità e qualità

La vendemmia 2018 ha fatto registrare una resa pari a circa 111 milioni di litri, raggiungendo un livello mai così elevato dal 2011 (+32 mio. l; +40 % rispetto all’anno precedente). Una primavera senza gelate tardive, un’estate torrida e una maturazione dell’uva molto precoce hanno caratterizzato l’eccezionale annata 2018. Le condizioni metereologiche, ideali per la viticoltura, registrate dall’inizio del periodo vegetativo fino alla vendemmia particolarmente precoce hanno determinato rese superiori alla media di qualità eccellente.

Il raccolto 2018 è ammontato in totale a 1 111 534 ettolitri, ovvero 319 744 ettolitri in più (+40,4 %) rispetto al record negativo del 2017, nonché un significativo 12,6 per cento in più rispetto alla media decennale. Già a inizio anno la rapidissima e abbondante germogliazione aveva fatto sperare i vitivinicoltori in una buona annata 2018 dopo il difficile anno precedente, caratterizzato da notevoli perdite di raccolto a causa del gelo.
Grazie alla siccità persistente da aprile a fine agosto, il pericolo d’infezione da malattie fungine e la pressione esercitata dai parassiti sono stati esigui. Il prolungarsi dell’estate e le poche precipitazioni hanno consentito il rapido avanzamento della maturazione dell’uva e quindi la vendemmia è iniziata in media due settimane prima rispetto a un anno normale. Uve sane e un tenore in zucchero elevato lasciano presagire un’annata eccezionale.
Nel 2018 la superficie viticola svizzera totale è stata pari a 14 712 ettari, ovvero leggermente inferiore a quella del 2017 (–36 ha; –0,2 %). Le cifre dettagliate, comprese quelle sul consumo, saranno pubblicate su ”L’Anno viticolo” a fine primavera.

top

„La virtù, la sanità fisica, ogni bene e la divinità sono armonia: perciò anche l’universo è costituito secondo armonia. Anche l’amicizia è uguaglianza armonica.“ —

Pitagora

 
Sponsors