• 13030 Archiviato l’albero dell’Avvento librario 2018
  • 13010 Visita la Val Calanca con i mezzi pubblici!
  • 13005 AnarchiCO(LON)!
Varie
domenica 10 febbraio 2019.
Un forte servizio pubblico per la digitalizzazione

Un fatto assai paradossale: la Quarta Rivoluzione industriale necessita di un servizio pubblico rafforzato. Questo oltrepassa la garanzia di un accesso libero al mercato. Nell’assegnazione delle frequenze la ComCom si era già focalizzata su questo aspetto. Infatti nell’impostare la rete del futuro, che si baserà sulla tecnologia 5G, nasce anche la domanda sull’accesso alla rete, sulle applicazioni che vengono sviluppate e su chi controllerà queste applicazioni. La politica è chiamata a creare le condizioni quadro per un servizio pubblico digitale.

Il servizio pubblico digitale del futuro deve garantire a tutta la popolazione e all’intera economia (incluse le PMI) la stessa disponibilità e lo stesso accesso alle tecniche digitali. E con questo s’intende di più del continuo ampliamento delle reti ICT. Il settore pubblico deve garantire la neutralità della rete per neutralizzare la crescente concorrenza nello sfruttamento della rete. La combinazione tra l’internet delle cose, della robotizzazione e intelligenza artificiale faranno nascere servizi ed applicazioni che faranno crecere esponenzialmente il flusso di dati. In un contesto del genere, sarebbe una grave negligenza lasciare mano libera alle forze del mercato. Infatti c’è il rischio che una parte della popolazione e dell’economia vengano discriminate da limiti di quantità, di velocità di trasmissione o di prezzo e che il controllo ricada nelle mani di poche aziende.

Come impostare la trasformazione digitale

È vero che oggi il settore pubblico controlla la costruzione dell’infrastruttura di base della digitalizzazione, tuttavia rimette le decisioni sugli investimenti in mano a ditte private. Ecco perché la digitalizzazione avanza a singhiozzi e in maniera eterogenea e soprattutto nei settori dove si attendono i maggiori guadagni. Se però vogliamo una trasformazione digitale che metta al centro l’essere umano, la politica deve finalmente impegnarsi nella strategia numerica dei servizi e dell´industria. In questo modo la Svizzera potrà mantenere la pace sociale, il benessere e proteggere la sua democrazia garantendo un giusto accesso a tutti alle tecnologie digitali. Di queste fanno parte anche applicazioni strategicamente importanti come il Big Data, che diventano sempre più inaccessibili per le PMI. Occorre domandarsi se essi non possano essere messi a disposizione dal servizio pubblico al fine di permettere una digitalizzazione democratica.

top

Il Carnevale, in opposizione alla festa ufficiale, era il trionfo di una sorta di liberazione temporanea della verità dominante e dal regime esistente, l’abolizione provvisoria di tutti i rapporti gerarchici, dei privilegi, delle regole e dei tabù. Era l’autentica festa del tempo, del divenire, degli avvicendamenti e del rinnovamento. Si opponeva ad ogni perpetuazione, ad ogni carattere definitivo e ad ogni fine.

(Michael Bachtin)

 
Sponsors