• 12190 Aperitivo indigesto!
  • 12188 Andrea Vitali a Grono
  • 12188 Andrea Vitali a Grono
  • 12181 Valigie in ... vacanza!
  • 12170 Divertiamoci in Biblioteca
Regionale
domenica 10 giugno 2018.
Una valle che vive - Interessante ritorno
di Nicoletta Noi-Togni

Da qualche anno lo osservo: il ritorno alle cose del passato, a ciò che è stato. Edifici antichi, vecchie torri (ultimo in ordine di tempo il progetto culturale nel Castello Trivulzio a Roveredo, per citarne solo uno) si popolano, associazioni di ricerca e di conservazione si fondano, libri di storie antiche si vendono e le conferenze sul vecchio, caro passato, sono frequentatissime. Un ritorno che se è nostalgia è però anche voglia di sapere, di conoscere e sondare la nostra provenienza, di interrogarci sulle nostre radici. Un ritorno insomma del cuore e della mente, che ha il sapore della polenta cotta sulla brace e la profondità del ricordo più giovane e felice. Questo grazie alle molte persone che per questo ritorno lavorano, rispolverando le vestigia e i simboli del passato.
Questa “voglia” di passato che si manifesta nella popolazione, potrebbe essere un indicatore per coloro che governano i Comuni. Nel senso che lo sguardo deve essere rivolto al futuro ma anche al passato, alla sua bellezza e ai suoi insegnamenti.

Musica sempre

Dire quanti siano stati gli appuntamenti musicali, nella nostra regione, in questi mesi è cosa ardua. Andando a ritroso cito l’ultimo in ordine di tempo, che oltretutto ha coniugato la musica alla danza flamenco della “Rosa de fuego”, di Vanessa Nicola, che si è tenuto in Bassa a San Vittore. Uno spettacolo poetico, elegante e bello. Non dimenticando il canto, nella chiesa di San Giulio a Roveredo, della Corale di Mesocco e del Coro MeRiBe e quello, nella chiesa di San Vittore, del Coro polifonico del Moesano. Produzioni queste di alta qualità nella loro valenza specifica. Tutto ciò unito al concerto della Scuola di Musica del Moesano, ai concerti delle Bande nell’ambito delle diverse manifestazioni, al concerto del gruppo del Corno delle Alpi del 5 maggio scorso a Roveredo, non hanno solo allietato i nostri villaggi e le nostre contrade ma anche conferito a tutta la regione quel tocco di universalità, quella simbiosi tra suoni e musiche del passato e quelle del moderno che si ritrovano di solito solo in ambienti cittadini. Una valle, la nostra, che vive anche di musica. Ed è bello cosi!

Nicoletta Noi-Togni

top

Il saggio non si giudica indegno dei doni della fortuna, non ama le ricchezze ma preferisce averle; non le accoglie nell’animo ma le tiene in casa; non rifiuta quelle che possiede ma le domina e vuole che essa offrano maggiori possibilita’ alla sua virtu’.

Seneca

 
Sponsors