• 11208 Almanacco del Grigioni Italiano 2018
  • 11205 Gerry Mottis - Terra bruciata
  • 11192 Mosconi sul sofà 4
  • 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Sport
sabato 2 settembre 2017.
Diplomazia sportiva: 20 giovani sportivi colombiani in visita in Svizzera

Una ventina di giovani colombiani si trova in Svizzera per un viaggio organizzato dal DFAE e dal Ministero degli affari esteri della Colombia. L’obiettivo è permettere a queste ragazze e a questi ragazzi, provenienti da una regione profondamente segnata dal conflitto armato, di imparare nuove tecniche di allenamento e scoprire alcuni sport popolari in Svizzera. Si tratta anche di offrire loro nuove prospettive per il futuro, che li tengano lontani dalla criminalità e dalla violenza.

Venti adolescenti colombiani di 16 e 17 anni saranno al Centro sportivo nazionale della gioventù di Tenero dal 1° al 15 settembre 2017. Provengono dal Dipartimento di Nariño, una regione del Sud-Ovest della Colombia particolarmente segnata dal conflitto armato e nella quale la Svizzera è presente con programmi di cooperazione. Durante il loro soggiorno, incontreranno altri sportivi e altri giovani e scopriranno sport popolari, imparando a conoscere discipline come il badminton, la scalata, il tiro con l’arco, l’unihockey e la pallamano. La squadra di pallacanestro della Lega Nazionale A Lugano Tigers parteciperà al programma in occasione di un allenamento. Incontri di lavoro e di riflessione porteranno infine questi giovani a definire alcuni progetti sul modello svizzero «Gioventù e sport», che, in seguito, lanceranno in Colombia. ,, Una parte del viaggio sarà pure didicata al turismo, per far conoscere alla delegazione colombiana il Cantone del Ticino.

Attraverso lo sport, questo viaggio intende offrire nuove prospettive per il futuro a giovani provenienti da zone in cui la violenza è all’ordine del giorno. Con l’accesso alla cultura e alla pratica sportiva, si cerca soprattutto di tenerli lontani da gruppi illegali o criminali. Ragazze e ragazzi, selezionati in base alla motivazione sportiva e ai risultati scolastici, vengono mandati all’estero per incontrare altri giovani in un contesto dominato dallo sport. Il soggiorno in Svizzera si iscrive nel contesto del programma «Diplomacia Deportiva» (diplomazia sportiva), lanciato nel 2011 dal Ministero degli affari esteri colombiano e al quale partecipano circa 40 Paesi. Il DFAE, in collaborazione con il Ministero degli affari esteri della Colombia, ha organizzato una prima edizione del progetto «giovani sportivi senza frontiere» alla fine del 2013. Da allora, 86 giovani hanno partecipato ai viaggi in Svizzera dal 2013 al 2016.

Con il suo sostegno a questo progetto, la Svizzera ribadisce l’impegno nell’ambito della protezione dei minori durante i conflitti armati e della lotta contro il reclutamento di bambini soldato. Una valutazione, in Colombia, delle prime tre edizioni ha evidenziato che le ragazze e i ragazzi che hanno partecipato ai viaggi in Svizzera hanno poi condiviso le loro esperienze con altri e assunto un ruolo trainante nelle loro comunità, club sportivi e scuole. È stato inoltre dimostrato che il progetto ha un impatto positivo sul proseguimento della carriera accademica delle partecipanti e dei partecipanti, che, nel 90 per cento dei casi, decidono di continuare gli studi.

La visita è organizzata dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) in collaborazione con il Ministero degli affari esteri colombiano, l’Ufficio federale dello sport (UFSPO), Presenza Svizzera e la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC).

La Svizzera si adopera da molto tempo per un miglioramento delle condizioni di vita della popolazione colombiana, in particolare delle persone coinvolte nel conflitto armato, e per uno sviluppo economico sostenibile del Paese. Gli interventi della DSC si centrano sull’aiuto in situazioni di emergenza in caso di catastrofe e sull’assistenza nella fase post-conflitto, che include la protezione della popolazione civile e l’accesso ad acqua potabile e a servizi igienico-sanitari. In vari Comuni del Dipartimento di Nariño, la DSC finanzia progetti a sostegno delle vittime delle mine antiuomo e a tutela gli abitanti minacciati di esodo forzato. Grazie ai suoi partner, la DSC appoggia bambini e giovani, creando meccanismi di protezione comunitaria. La Divisione Sicurezza umana (DSU) del DFAE opera, da parte sua, nei settori della promozione della pace, della tutela dei diritti umani e della rielaborazione del passato.

Nel quadro della cooperazione economica allo sviluppo avviata con la Colombia, la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ha sostenuto, nel Dipartimento di Nariño, la produzione e l’esportazione di cacao pregiato, utilizzato anche dai principali produttori svizzeri di cioccolato. Il progetto, concluso di recente,  mirava a creare alternative alla migrazione nelle città e a ridurre la povertà nei villaggi, contribuendo alla stabilizzazione dell’intera regione.

top

Pensa sempre a quanto è lungo l’inverno.

Marco Porcio Catone (il Censore)

 
Sponsors