• 11083 Tracce del passato? No! Tracce del futuro?
  • 10954 SCOUT DEL MOESANO - Si ricomincia ...
Comunicati
mercoledì 15 marzo 2017.
Bracconaggio nel triangolo retico
In uscita il libro in lingua italiana sul bracconaggio

Il libro può essere richiesto alla libreria RUSSOMANNO di Grono per email: libreria.russomanno@bluewin.ch o per telefono 091 827 29 78

«Bracconaggio nel triangolo retico» documenta e interpreta in modo finora inedito il fenomeno del bracconaggio, partendo dal Parco Nazionale Svizzero ed estendendo le indagini nei vicini territori italiani e austriaci. L’opera non si limita a rivedere la storia in modo critico, ma dedica pure grande attenzione a casi accaduti in epoca recente, esaminando a fondo e da vicino le attività illecite. Un caso straordinario di commercio illegale di scialli di lana shahtoosh, scoperto a St. Moritz, allarga la prospettiva fino al Tibet, creando un nesso con l’odierna criminalità su scala mondiale legata alla fauna selvatica, che si manifesta drammaticamente in diversi paesi. Lo studio mira ad analizzare il bracconaggio nel triangolo retico, per quanto possibile in modo quantitativo, e pone in primo piano la questione degli effetti della caccia di frodo sulle popolazioni di fauna selvatica. Le esperienze raccolte servono però anche a spiegare il fenomeno e ad illustrare gli approcci atti a migliorare la situazione. Le opere letterarie sul tema del bracconaggio sono estremamente numerose e variegate; le ricerche scientifiche riguardanti la regione alpina, d’altro canto, si sono finora interessate soprattutto agli aspetti storico-culturali. Questo libro apre perciò nuovi orizzonti. Heinrich Haller, nato nel 1954, non proviene da una famiglia di bracconieri e non ha mai cacciato di frodo. Il bracconaggio ha tuttavia particolarmente suscitato l’interesse dell’autore sin dalla sua gioventù. L’attenzione su questo tema si è acuita con l’esercizio della professione di biologo della fauna e la pratica della caccia (al camoscio). Heinrich Haller ha studiato delle icone della fauna selvatica indigena (tra cui l’aquila reale, la lince e il cervo) ed è stato docente di ecologia di montagna in qualità di professore fuori organico all’Università di Gottinga. In funzione di direttore del Parco Nazionale Svizzero ha dovuto confrontarsi con la caccia illegale, un impegno che sta alla base del presente studio sul tema del bracconaggio.

top

Il segreto di un candidato politico è di sembrare stupido come chi lo ascolta, così che gli ascoltatori si sentano intelligenti come lui.

 
Sponsors